Vincenzo Mazzaferro

Struttura Complessa Chirurgia Generale Indirizzo Oncologico 1 (Epato-gastro-pancreatico e Trapianto di Fegato) (Ufficio)

Matricola:

$matricolaPersona.getData()

Presentazione:

 

Direttore S.C. Chirurgia generale indirizzo oncologico 1 (Epato-gastro-pancreatico e Trapianto di Fegato)

 

Nato a Novara e laureato con il massimo dei voti e menzione di merito all’Università di Torino e specializzato in Chirurgia e in Oncologia all’Università Milano, è uno degli esperti internazionali più rilevanti nel campo del trattamento dei tumori dell’apparato digerente, con particolare riferimento al fegato e al trapianto epatico. Dopo numerosi anni di lavoro negli Stati Uniti, rientrando in Italia, dal 1991 ha guidato dall’Istituto Tumori di Milano il primo gruppo medico-chirurgico che ha iniziato a eseguire sistematicamente nel nostro paese interventi di trapianto di fegato per tumore. Nel 1996 ha elaborato le linee-guida per eseguire questo tipo di interventi, da allora noti in tutto il mondo come “Criteri di Milano”. Grazie alla applicazione dei Criteri di Milano e alla conseguente migliore prevedibilità di risultato in pazienti affetti da tumore, l’intera organizzazione dei trapianti ha potuto migliorare sia in Italia che all’estero, il rapporto tra domanda e offerta di organi, permettendo di allocare con corretta priorità la risorsa preziosa degli organi donati a scopo di trapianto per i pazienti con tumore in lista di attesa, contribuendo così a migliori risultati per migliaia di pazienti. Dal 2000 i “Criteri di Milano” sono parte del sistema di allocazione degli organi in tutti gli Stati Uniti e criterio di riferimento anche in Italia e in Europa, nonché per l’intero mondo orientale e per tutta la letteratura scientifica specialistica.

A tale contributo, la linea di ricerca sviluppata sulla base dei Criteri di Milano ha portato ulteriori approfondimenti in tema di “criteri allargati” e di terapie di retro-stadiazione nei pazienti con tumore ed esigenza di trapianto, pubblicati sulle più importanti riviste del settore, come il Lancet Oncology e l'American Journal of Transplantation. Gli studi in quest’area proseguono con finanziamenti privati e del Ministero della Salute, per la maggior parte coordinati dalla S.C. Chirurgia Epato-Gastro-Pancreatica diretta dal Dr. Mazzaferro. Tale struttura vanta la più ampia casistica in Italia di tumori epatici sottoposti a trapianto e il reparto nella sua interezza è in assoluto tra i più attivi sul territorio nazionale per numero di interventi eseguiti per tumore del distretto epatico-pancreatico-biliare.

Oltre all’attività focalizzata sul trapianto di fegato, numerose sono le ricerche cliniche di alto valore prodotte nell’unità di lavoro multidisciplinare coordinata dal Dr. Mazzaferro. Si citano ad esempio:

  • il trattamento delle metastasi epatiche da tumori del colon, applicando nuovi approcci di terapie integrate mediche e chirurgiche, anche con interventi tecnicamente innovativi associati a tecnologie di ultima generazione e ai nuovi farmaci biologici;
  • il controllo integrato dei tumori epatici mediante la termoablazione, con nuove tecnologie che impiegano il calore e l’approccio mini-invasivo all’addome, e la radioembolizzazione con Yttrio-90 per il trattamento dell’HCC avanzato;
  • il trattamento dei tumori neuroendocrini tramite un gruppo di lavoro multidisciplinare certificato dalla società europea dei tumori neuroendocrini (ENET) e coordinato dal Dr. Mazzaferro;
  • il trattamento integrato dei tumori del pancreas, delle vie biliari e dello stomaco associati allo studio dei nuovi marcatori di prognosi o di risposta.
     

Su questi argomenti ha pubblicato oltre 200 lavori scientifici sulle principali riviste mediche del mondo, dal New England Journal of Medicine a Hepatology, dal Lancet Oncology al Journal of Clinical Investigation, Liver Transplanation e Cancer Research e ricevuto inviti dalle più importanti società scientifiche quali l’AASLD (American Association for the Study of Liver Diseases), l’EASL (l’European Association for Study of the Liver) el’ILTS (International Liver Transplantation Society).

È stato Associate Editor del Journal of Hepatology dal 2009 al 2013 e fa parte dell’Editorial Board delle più importanti riviste di ricerca e clinica in area gastro-enterica. Ha ricevuto molti premi e riconoscimenti per la sua attività, a partire dal primo premio FIRC (Fondazione Italiana Ricerca sul Cancro) consegnato dalla Presidenza della Repubblica e dal fondatore dell’Associazione no-profit per la Ricerca sul Cancro, prof. Guido Venosta. Negli ultimi anni ha ricevuto il Premio AACR and Landon Foundation INNOVATOR Award, il Premio Ambasciatore di Milano-Milan Ambassador Programme e il premio CIRSE (Cardiovascular and Interventional Radiological Society of Europe), oltre che la benemerenza civica della città di Milano per due volte (in occasione della consacrazione dei “Criteri di Milano” all’estero e per Prometeo Onlus, l’associazione di volontariato da lui fondata).

Dirige Corsi di aggiornamento e perfezionamento per medici provenienti da tutto il Paese e anche dall’Estero. E’ Docente a contratto presso la scuola di Specialità in Chirurgia dell’Università di Milano ed ha tenuto più di 300 conferenze ed interventi nell’ambito delle più importanti Società Scientifiche dedicate alla ricerca e alla cura dei tumori dell’Apparato Digerente, oltre che letture magistrali in numerose Università italiane e Centri Esteri quali l’University of Pittsburgh, la Mt. Sinai University di New York, l’Hammersmith Hospital di Londra, l’Università di Sacramento, l’Università di Barcellona, l’Università di Birmingham, la Lovain University di Brussels e l’Institute Pasteur di Parigi.

Molta della sua attività scientifica è supportata da finanziamenti dell’AIRC (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro) e del Ministero della Salute. Nell’ambito del suo lavoro ha sempre dedicato grande attenzione e impegno a ciò che spesso viene definita la nuova umanizzazione della pratica medica. Molti dei suoi collaboratori tengono corsi e conferenze sul miglioramento della comunicazione medico-paziente, sulla base dell’esperienza accumulata con lui in Istituto. Suo maggiore interesse è quello della riscoperta dei valori fondamentali della persona, nella programmazione sanitaria e nel rapporto tra Medicina e Società.

È il fondatore di una Associazione no-profit denominata Prometeo (acronimo di Progetto Malattie Epatiche, Trapianto e Oncologia), composta da suoi ex-pazienti e da ormai molte altre persone ad essi legati, operante all’interno della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori e dedicata agli aspetti psicologici e alla risposta ai bisogni delle persone colpite dal cancro. Ha contribuito significativamente alla divulgazione scientifica di tematiche oncologiche, relative alla salute e al rapporto medico-paziente con molti articoli a sua firma apparsi sulla stampa generalista e con la partecipazione a molte trasmissioni televisive di approfondimento.

Profili professionali:

$profiliProfessionionali.getData()

Skills:

$skills.getData()

Indirizzo:

Telefono:

Email:

$email.getData()

Siti internet:

Social:

Facebook - $accountFacebookPersona.getData()
Twitter - $accountTwitterPersona.getData()

Curriculum Vitae:

Scarica Cv

Allegati:

Pubblicazioni_Vincenzo Mazzaferro - pdf 245 kb

Vincenzo Mazzaferro

Medico

Telefono :

(+39) 02.2390 2338

Orario di ricevimento
Lunedì - Venerdì

Fax :

(+39) 02.2390 3259

Orario di ricevimento
Lunedì - Venerdì

Mail :

vincenzo.mazzaferro@istitutotumori.mi.it; segreteria.mazzaferro@istitutotumori.mi.it

Orario di ricevimento
Lunedì - Venerdì
Contatto
CONTATTI
Telefono:
(+39) 02.2390 2760
Fax:
(+39) 02.2390 3498
Mail
segreteria.mazzaferro@istitutotumori.mi.it