Aiutaci, sostieni la ricerca e schierati dalla parte di chi combatte

Il cinque per mille rappresenta una quota dell'imposta IRPEF che il cittadino può decidere di destinare ad enti che svolgono attività socialmente rilevanti. Essendo una quota d’imposta regolarmente versata, il 5x1000 è una donazione che non comporta ulteriori spese da parte dei cittadini

Il 5 per mille può essere devoluto da tutti coloro che presentano la propria dichiarazione dei redditi attraverso il CUD, il modello 730 e il modello Unico per le Persone Fisiche. All’interno dei singoli modelli si trova uno spazio dedicato alla “Scelta per la destinazione del cinque per mille dell’Irpef”. Basta apporre la propria firma nel riquadro “Finanziamento della ricerca sanitaria” oppure nel riquadro “Finanziamento della Ricerca Scientifica e dell’Università” e inserire il codice fiscale dell’Istituto Nazionale dei Tumori: 800.182.301.53.

Da oltre 90 anni al primo posto tra tutti gli IRCCS oncologici italiani e riferimento internazionale per la ricerca e la cura dei tumori, sia di quelli più frequenti che di quelli rari e pediatrici. Con 540 persone dedicate e 27 laboratori, è un polo di eccellenza per le attività di ricerca che mirano a trasferire, in modo rapido, nuove conoscenze dal laboratorio al paziente. La ricerca in INT  si realizza in una media annua di circa un centinaio di progetti di ricerca e 650 studi clinici con farmaci, dispositivi o tecniche chirurgiche innovative, che globalmente producono circa 700 pubblicazioni all’anno su riviste scientifiche internazionali, oltre ad aver originato nel tempo 16 brevetti nel campo dell’innovazione medica e biotecnologica.

 

Donare il 5x1000 alla ricerca INT rappresenta un investimento nel futuro della prevenzione, diagnosi e cura dei tumori per tutti i cittadini.


L’impiego del 5x1000

Il supporto della popolazione permette ogni anno di raggiungere i risultati sopra citati. Nello specifico grazie al prezioso apporto del 5x1000 la Direzione Scientifica ha finanziato su base competitiva i migliori progetti di ricerca sperimentale, traslazionale, clinica e gestionale.

Nel biennio 2016-2017, circa cinque milioni di euro derivati dalle donazioni del 5x1000, hanno finanziato  6 progetti di ricerca multidisciplinari,  coordinati anche da giovani ricercatori, oltre a 3 progetti speciali di ricerca clinica. Nel biennio successivo, 2017-2018, le risorse derivate dal 5x1000 hanno finanziato, su base competitiva, 13 progetti di ricerca, tra cui 3 macroprogetti multidisciplinari, 1 progetto start-up di una giovane ricercatrice e 9 progetti innovativi destinati a dimostrare prove di principio per ulteriori sviluppi sperimentali. Inoltre la Direzione Scientifica ha potuto finanziare 8 progetti speciali, focalizzati sia su ricerca clinica che sperimentale. Infine l’ultima donazione 5x1000 finanzierà nel 2019 un totale di 16 progetti di ricerca competitivi di tipo  “proof of concept” e quattro progetti speciali inseriti nelle nuove linee della Ricerca Istituzionale:

  • Prevenzione Primaria, Secondaria e Diagnosi Precoce;
  • Medicina di Precisione e Innovazione Tecnologica (Farmacologica e non);
  • Complessità e Tumori Rari;
  • Ricerca Sanitaria e "Outcome Research".

Perché destinarlo a INT: traguardi raggiunti e sfide in corso

Già pago troppe tasse! Quanto mi costa versare il 5x1000 dell’IRPEF?

 Assolutamente niente. La cifra viene sottratta dall'importo totale dell’imposta  da pagare. Scegliere di devolvere il 5 x 1000 non significa pagare di più, ma soltanto dichiarare allo Stato che si vuole che una parte dell’imposta IRPEF già pagata sia donata all'Ente prescelto. Se invece il contribuente non devolve il 5 x 1000, l’importo rimane allo Stato. In entrambi i casi, NON SI VERSA UN CENTESIMO IN PIÙ’.


Se firmo ma non specifico il codice fiscale?

Se non viene specificato il codice fiscale dell’Istituto Tumori ma si appone solo la firma in uno dei riquadri dedicati alla ricerca sanitaria o scientifica, la somma sarà ripartita tra tutti i soggetti/enti/istituti che svolgono ricerca in modo proporzionale in base al numero di preferenze ricevute. Indicare quindi il codice fiscale dell’Istituto Nazionale dei Tumori 800.182.301.53 garantisce di finanziare la nostra ricerca.


Io non presento il 730 o Unico. Posso devolvere il 5 x 1000?

Forse allora lei riceve il modello CUD dal suo datore di lavoro. Anche in questo caso è possibile devolvere il 5 x 1000. Con il modello le verrà infatti consegnata una scheda integrativa contenente i riquadri per la scelta della destinazione del 5 x 1000. Dovrà soltanto compilarla – nello stesso modo in cui si compila il riquadro del modello di dichiarazione - inserirla in una busta e presentarla in Banca o alla Posta, che la trasmetteranno – GRATIS – all'Amministrazione finanziaria. In alternativa, la scheda può essere consegnata ad un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (professionista, CAF, ecc.). L'intermediario deve rilasciare una ricevuta attestante l'impegno a trasmettere le scelte. A differenza di poste e banche, gli intermediari possono chiedere un compenso per il servizio di trasmissione.

Le domande più frequenti sul 5x1000 - Scarica PDF