News ricerca

INT, la ricerca che verrà: un viaggio virtuale alla scoperta della ricerca

Durante la Giornata della Ricerca 2017, nell’atrio dell’Istituto Nazionale dei Tumori, i ricercatori e i medici dell’INT hanno accompagnato i presenti in un viaggio virtuale alla scoperta della ricerca attraverso sei tappe (prevenzione, ricerca preclinica, nuovi farmaci e nuove terapie, cure palliative e supporto al paziente, progetti del 2016 finanziati col 5x1000) per capire cosa vuol dire essere ricercatore.

Riproponiamo in questa sezione ogni settimana due poster esposti proprio in quell’occasione.

La ricerca che verrà: i Progetti finanziati grazie ai contribuenti che hanno scelto di assegnare il 5X1000 all’Istituto Nazionale dei Tumori

  • Studio di nuove strategie per colpire il microambiente tumorale e contrastare l’aggressività della malattia.
    Responsabile scientifico: Dr. Daniele Lecis (Immunologia Molecolare)

    Il progetto propone di studiare come il microambiente tumorale influenzi l’aggressività dei carcinomi mammari. Ci focalizzeremo in particolare sui mastociti (cellule del sistema immunitario conosciute soprattutto per il loro ruolo nell’allergia, ma recenti studi suggeriscono una loro attività anche nello sviluppo dei tumori) presenti nel tumore, cercando di modificarne il comportamento mediante l’utilizzo di piccole molecole che abbiamo sviluppato in collaborazione con l’Università di Milano, chiamate Smac mimetici. Il progetto utilizzerà un approccio integrato che va dallo studio in vitro delle cellule tumorali ai campioni operatori.

Partecipano a questo progetto:
dr.ssa Alice Rigoni, dr.ssa Serena Di Cosimo, dr.ssa Monica Milano, dr.ssa Maria Teresa Majorini (Immunologia Molecolare, Oncologia Medica 1, Day Hospital E Terapie Ambulatorio Oncologico, Meccanismi Molecolari)

Visualizza il Poster (scarica PDF)
 

 

  • Adolescenti e giovani adulti con tumore in Italia Come assicurare le migliori cure e qualità della vita.
    Responsabile scientifico: Dr.ssa Annalisa Trama (Epidemiologia Valutativa)

    Gli adolescenti ed i giovani adulti sono i soggetti di età compresa tra i 15 ed i 39 anni al momento della diagnosi di tumore.

    Il progetto in questione è finalizzato a capire perché gli adolescenti e giovani adulti abbiano prognosi peggiore rispetto ai bambini studiando diverse possibili cause che vanno dai fattori biologici alle difficoltà di accesso ai centri di eccellenza e ai protocolli clinici. Il progetto mira anche a studiare i problemi di salute che gli adolescenti e giovani adulti sviluppano dopo esser guariti dal tumore per proporre linee guida per il follow-up di questi giovani pazienti ed eventuali interventi di prevenzione degli effetti dannosi.
    Il progetto si avvarrà della collaborazione del Progetto Giovani dell’Istituto Nazionale dei Tumori e di SIAMO (Società Italiana Adolescenti con Malattie Onco-ematologiche).

Partecipano a questo progetto:
G Gatta, L Botta, A Bernasconi (Epidemiologia Valutativa), G Tagliabue, P Contiero, G Barigelletti, A D’Agostino , S Fabiano (Registro Tumori), P Gasparini (Oncologia Sperimentale Genomica Tumorale), A Ferrari, M Massimino (Pediatria Oncologica)

Visualizza il Poster (scarica PDF)

 

Visualizza Archivio poster

 




Valid XHTML 1.0 Strict CSS Valido!