News per il paziente

Momento musicale presso l'Hospice dell'Istituto Nazionale dei Tumori

Momento Musicale in Hospice
Hospice "Virgilio Floriani"
Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori
via Venezian, 1.- 20133 Milano

Con frequenza mensile, nell’Hospice dell’Istituto dei Tumori, “Virgilio Floriani”, i volontari della LILT organizzano il Momento musicale che si svolge nel pomeriggio nell’Hospice stesso.  Si esibiscono musicisti che donano gratuitamente il loro talento a sostegno degli obiettivi delle cure palliative, ma soprattutto ai pazienti e ai loro parenti offrendo a tutti un momento di normalità; assistono anche infermieri e medici.

Prossimo appuntamento:

Sabato 16 giugno 2018 alle ore 15

Nella Chiesa del nostro Istituto il concerto di chiusura della stagione musicale dell’orchestra La Verdi nell’Hospice (www.laverdi.org/it/seasons/stagione-2018-2019) aperta l’11 novembre dello scorso anno in occasione della Giornata  nazionale delle cure palliative in Aula magna con il Coro delle voci bianche aperto al pubblico, poi all’interno dell’Hospice con le arpiste soliste il 12 novembre, il 17 marzo di questo  anno con il duo violino e fisarmonica, il 19 maggio con il Quartetto violino, violino, viola e violoncello, oggi aperto al pubblico l’orchestra e un concerto che comprende due famose pagine del compositore tedesco Ludwig van Beethoven (1770-1827).

 

L'Ouverture del Coriolano op. 62 è un’opera orchestrale scritta da Beethoven come intermezzo all’omonima tragedia del poeta austriaco von Collin. E’ tuttavia un brano musicale a sé stante, eseguito per la prima volta nel dicembre 1807, cioè dopo la prima rappresentazione della tragedia.

Il dramma è ispirato alla leggenda dell'eroe romano Gneo Marcio, detto Coriolano per aver espugnato l'antichissima città dei Volsci. In seguito Coriolano offre ai Volsci collaborazione per lottare contro Roma. La moglie e la madre lo supplicano di non tradire la patria e Coriolano, combattuto fra il sentimento dell'onore e quello della vendetta, si suicida, per l'insanabile contrasto di coscienza tra la parola data ai Volsci e l'incapacità di marciare contro Roma.

Per la sua composizione Beethoven si è concentrato su quest’ultima scena, la più decisiva e drammatica. La pagina beethoveniana è fosca e tragica, possentemente drammatica nell’esprimere in musica i contrastanti sentimenti dei personaggi.

Beethoven compose il suo Concerto per violino e orchestra op. 61 nel 1806, quando fu eseguito per la prima volta dallo stravagante violinista Franz Clement, allora molto acclamato per il suo virtuosismo.

In tre movimenti (Allegro, Larghetto e Rondò), è una delle opere più amate di Beethoven, grazie al lirismo, alla cantabilità ed alla suggestione dei passi virtuosistici del violino. Qui lo strumento solista non si pone in competizione con l’orchestra, ma stabilisce con essa un'intima complicità, che deriva soprattutto dall'assenza di marcate contrapposizioni dinamiche e timbriche.

Alla prima esecuzione l’accoglienza del pubblico non fu positiva (lo stile del brano era troppo lontano da quello di moda all’epoca) ed il concerto fu presto dimenticato. A metà Ottocento fu riscoperto e valorizzato, sino a divenire parte del repertorio dei violinisti più celebri.

Una grande orchestra e musicisti appassionati che ci hanno donato, in questi mesi, la solidarietà, la gioia e l’eleganza della musica magnifica.

Il Momento musicale è aperto anche a chi frequenta l’Istituto o ai parenti dei degenti.

 

Per maggiori informazioni:

Locandina Momento Musicale 16 giugno - (scarica PDF)
Visita la pagina del Momento Musicale in hospice (clicca qui)




Valid XHTML 1.0 Strict CSS Valido!