Caratteri più grandi Reimposta caratteri Caratteri più piccoli

S.S. Chirurgia del testicolo > Altre attività

Oltre che nella patologia testicolare, il dott. Nicolai ha sviluppato elevata esperienza nella chirurgia urologica oncologica delle principali malattie neoplastiche del tratto genitourinario (prostata, vescica, rene, surrene e pene). In particolar, la specifica esperienza dell’equipe che si occupa di chirurgia mini-invasiva del retroperitoneo, ha permesso lo sviluppo della chirurgia mini-invasiva in altri segmenti della chirurgia urologica nell’ambito della SC di Urologia.

Resezione renale mini-invasiva

La resezione renale costituisce la chirurgia emergente nel trattamento del tumore del rene, che si manifesta tipicamente in forme sempre più iniziali.
Questa chirurgia è particolarmente delicata: richiede infatti l’asportazione di parte del tessuto renale mantenendo il più possibile integra la funzione emuntoria in tempi di esecuzione ridotti per limitare o le perdite ematiche (chirurgia senza ischemia) o, più frequentemente, il danno ischemico all’organo (chirurgia con ischemia, situazione più frequente).
L’approccio tradizionale a cielo aperto è condizionato dalle morbilità strettamente associate alla laparotomia o lombotomia, determinando tempi di ricovero mediamente compresi tra i 6 e gli 8 giorni, tempi di ripresa sociale e lavorativa mediamente attorno ai 30-40 giorni.
La tecnica laparoscopica, progressivamente sviluppata presso la SC di Urologia della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei tumori di Milano, costituisce una procedura di alta specializzazione effettuabile esclusivamente in centri ad elevata expertise e volume e permette di ridurre i tempi di ricovero ad una media di 5 giorni, la necessità di terapia antidolorifica e le sue conseguenze funzionali, i tempi di ripresa sociale e lavorativa a circa 15 giorni nella maggioranza dei soggetti candidabili a chirurgia conservativa (resezione renale) del rene.
L’indicazione e l’applicazione della procedura è in costante aumento.

Nefrectomia radicale laparoscopica

La nefrectomia radicale costituisce la chirurgia standard nel trattamento del tumore del rene.
L’approccio tradizionale a cielo aperto è condizionato dalle morbilità strettamente associate alla laparotomia, determinando tempi di ricovero mediamente compresi tra i 6 e gli 8 giorni, tempi di ripresa sociale e lavorativa mediamente attorno ai 30-40 giorni.
La tecnica laparoscopica, progressivamente sviluppata presso la SC di Urologia della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei tumori di Milano, costituisce una procedura di specializzazione effettuabile in centri con buona expertise e volume e permette di ridurre i tempi di ricovero ad una media di 5 giorni, la necessità di terapia antidolorifica e le sue conseguenze funzionali, i tempi di ripresa sociale e lavorativa a circa 15 giorni nella maggioranza dei soggetti candidabili a nefrectomia radicale.
L’indicazione e l’applicazione della procedura è sostanzialmente costante nel tempo.

Surrenectomia laparoscopica

La surrenectomia è una chirurgia specialistica nel trattamento di diverse forme di neoplasia della ghiandola surrenalica, dalla biologia eterogenea e associate spesso a quadri sindromici e metabolici del tutto caratteristici e molto spesso complessi, che richiedono competenze interdisciplinari con l’interesse del chirurgo, dell’endocrinologo, dell’oncologo medico, dell’anestesista-rianimatore.
Questa chirurgia può avere impatti funzionali significativi che richiedono una expertise sviluppata.
L’approccio tradizionale a cielo aperto è condizionato dalle morbilità strettamente associate alla laparotomia o lombotomia, determinando tempi di ricovero mediamente compresi tra i 6 e gli 8 giorni, tempi di ripresa sociale e lavorativa mediamente attorno ai 30-40 giorni.
La tecnica laparoscopica, progressivamente sviluppata presso la SC di Urologia della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei tumori di Milano, costituisce una procedura di alta specializzazione effettuabile esclusivamente in centri ad elevata expertise e volume e permette di ridurre i tempi di ricovero ad una media di 3 giorni, la necessità di terapia antidolorifica e le sue conseguenze funzionali, i tempi di ripresa sociale e lavorativa a circa 15 giorni nella quasi totalità dei soggetti candidabili a chirurgia del surrene.
L’indicazione e l’applicazione della procedura è in costante aumento.

S.S. Chirurgia del Testicolo

La SS Chirurgia del Testicolo è attiva dal 2009 nel contesto della SC Urologia ed è affidata al dott. Nicola Nicolai.

Leggi tutto

 

Attività Clinica

Informazioni su tumore del testicolo, su diagnosi e stadiazione, sui trattamenti

Leggi tutto

 

Attività di Ricerca

La SC di Urologia e la SS di Chirurgia del Testicolo hanno preso parte a studi internazionali che hanno portato alla delineazione delle categorie prognostiche dei pazienti con malattia metastatica alla prima e successive linee di trattamento

Leggi tutto

Per una visita

Per una visita con Servizio Sanitario Nazionale, è necessario rivolgersi al CUP e prontare un appuntamento prima visita di Urologia.


Ultimo aggiornamento: 09-06-2015 00:15:57

[ Indietro ]

Valid XHTML 1.0 Strict CSS Valido!